Il coniglio da compagnia

È importante conoscere alcune caratteristiche del coniglio che riguardano sia le sue esigenze nutrizionali, sia il suo habitat. Qui di seguito trovate i consigli per garantire il benessere e la salute del vostro coniglio da compagnia e i vari accessori per il suo habitat.

1- Caratteristiche dell'alimentazione del coniglio

Il coniglio è un animale strettamente erbivoro. Ha un apparato digerente strutturato per funzionare incessantemente e deve seguire un regime alimentare molto ricco di fibre. Alla base della sua alimentazione ci sono le graminacee (fieno o erba fresca). È anche un animale curioso e goloso, che ama nutrirsi di piante, frutta e verdura, nonché di radici e di corteccia d'albero.

2- Consigli generali sull'alimentazione del coniglio

  • Lasciare sempre acqua fresca e pulita a disposizione dell'animale, avendo cura di cambiarla ogni giorno.
  • Fieno a volontà: il fieno è l'elemento principale nell'alimentazione del coniglio.

Come posso sapere se il fieno che do al coniglio è di buona qualità? Deve essere verde, abbastanza sottile, ben asciutto, deve avere un buon odore e non presentare muffa o insetti. Inoltre il coniglio fungerà da "barometro": preferirà sempre un fieno bello verde e con un buon odore a uno giallo e spesso.

  • Offrirgli verdure fresche: occorre variare le verdure ogni giorno per garantire il giusto apporto di vitamine e nutrienti.

La maggior parte delle verdure deve essere "verde": sedano, indivia, erba, denti di leone, prezzemolo, menta, basilico, insalate varie, spinaci, germogli di ortica...

Le carote e la frutta vanno somministrate in quantità moderata, in quanto sono più zuccherate e possono comportare un aumento di peso.

Ecco alcune varietà di frutta molto gradite al coniglio: albicocca, banana, mirtillo rosso, ciliegia, fragola, lampone, ribes, kiwi, mango, mirtillo, arancia (o clementina ecc. senza pelle né foglie), papaya, mela, pera, ecc.

La verdura può essere ripartita in 2 pasti al giorno: uno al mattino e uno alla sera.

Togliere ogni giorno l'erba e le verdure appassite.

  • Proporre alimenti da rosicchiare (rami di nocciolo, betulla, ontano, ecc.): in questo modo asseconderete un comportamento naturale del coniglio (ed eviterete che rosicchi i piedi delle sedie!).
  • È possibile proporre al coniglio anche alimenti industriali (mangimi in granuli, estrusi). Questi devono essere somministrati in piccole quantità (nel periodo della crescita possono essere dati a volontà, ma a partire dai 6 mesi di età devono essere limitati a dosi corrispondenti al 2-3% del peso del coniglio). Per un coniglio adulto è bene somministrare non più di 2 o 3 cucchiai di mangime in granuli al giorno.
  • Fare però attenzione a evitare i miscugli di granaglie nei quali il coniglio può scartare quelli che non gradisce, in quanto ne risulterà un'alimentazione non equilibrata.

3- Qualche precauzione da prendere

  • La verdura deve essere introdotta progressivamente per evitare problemi digestivi. Ad esempio, si inizia dando una rondella di carota il primo giorno, poi un ciuffo di prezzemolo il giorno seguente... aumentando progressivamente la quantità e la varietà delle verdure fresche.
  • Le verdure della famiglia del cavolo (compresi i broccoli) devono essere somministrate in piccole quantità in quanto possono causare gonfiore intestinale e, se assunte in quantità elevate, possono essere addirittura tossiche.
  • Alcuni tipi di insalata, come la lattuga cappuccina o la varietà iceberg, sono da evitare in quanto poco digeribili. Al contrario, è possibile somministrare, ad esempio, la varietà Batavia, la foglia di quercia, la rucola, ecc.
  • Alcune piante sono tossiche: aglio, Aloe vera, Arum, bambù, begonia, bosso, crisantemo, cipresso, fico, geranio, edera, mughetto, narciso, cipolla, arancio, margherita, stella di Natale, porro, ranuncolo, rododendro, salvia, vite americana, ecc.

4- Che tipo di gabbia e accessori scegliere per il coniglio?

La gabbia è l'habitat del coniglio, gli serve per riposarsi ma anche come luogo di vita! Qui di seguito vedremo che tipo di gabbia scegliere, dove posizionarla all'interno della casa e quali sono gli accessori indispensabili affinché i nostri amici roditori possano sentirsi a loro agio nel loro nuovo habitat.

Consigli sulle caratteristiche della gabbia del coniglio:

Che dimensioni sono consigliate per la gabbia di un coniglio?

I conigli nani amano muoversi e hanno bisogno di spazio a sufficienza nel loro habitat. Ecco le dimensioni minime che deve avere la gabbia di un coniglio: 100 cm di lunghezza x 60 cm di larghezza x 60 cm di altezza. Nelle belle giornate, è possibile mettere il coniglio in un recinto all'aperto ma al riparo dal sole. Tale recinto dovrà avere dimensioni minime di 2 m x 2 m. È indispensabile che sia abbastanza alto o coperto da una rete per assicurarsi che il coniglio non possa scappare o essere preda di un cane o un gatto. Se il recinto è grande, è possibile arricchirlo con nascondigli o cassette che fungano da punti di osservazione.

Dove posizionare la gabbia del coniglio?

Evitate le correnti d'aria (vicino a una finestra, all'ingresso, nel corridoio), poiché il coniglio è molto delicato in questo senso. Inoltre occorre che la gabbia sia vicino a una fonte di luce naturale, ma non in pieno sole per tutto il giorno (finestra esposta a sud), per evitare che abbia troppo caldo. Il coniglio è un animale socievole: sarà felice di stare in compagnia dei suoi padroni, e quindi è bene posizionare la sua gabbia nel punto della casa in cui c'è più vita. Tuttavia, è necessario che l'animale possa anche avere tranquillità se lo desidera, e pertanto occorre evitare i luoghi di passaggio (corridoio, ingresso, ecc.).

Quali accessori per la gabbia?

Ecco gli accessori necessari per costruire una gabbia adatta al coniglio:

  • Una lettiera assorbente a base di trucioli, di canapa, di tutolo di mais o altro; è possibile aggiungervi della paglia, ma non deve essere l'unica componente, in quanto è poco assorbente.

  • Una scodella per il cibo e un biberon o una ciotola per l'acqua.

  • Una rastrelliera da fieno per la sua porzione giornaliera.

  • Un piccolo riparo per dormire, nascondersi e sentirsi al sicuro.

     

Casetta in legno Home Color con tronchi ref. 209 765

5- Comportamento e benessere

Il coniglio è per natura curioso e socievole (infatti allo stato naturale vive in gruppi). Pertanto è preferibile non lasciarlo sempre solo nella gabbia. Apprezzerà la compagnia di un altro coniglio o di un porcellino d'India, ma anche qualche giretto per la casa o in un recinto all'aria aperta.

Inoltre è un animale goloso e giocherellone, in grado di imparare molti esercizi soprattutto se stimolato da qualche ricompensa. Apprezzerà anche i momenti di complicità con il padrone (coccole, toelettatura).

Adesso conoscete gli aspetti principali per garantire ai conigli un regime alimentare adatto, ma anche comfort e benessere. E ricordate che sono animali molto sensibili allo stress!

 

Articolo a cura della dott.ssa Valérie Crousse, veterinaria.

 

Nella stessa categoria

Scopri le nostre attualità